AgenParl – Cultural Diplomacy and Cultural Heritage in Italy

AgenParl (Italian Parliamentarian News Agency); June 13th, 2013; An article by the Italian parliamentarian news agency, AgenParl, mentions the Institute for Cultural Diplomacy in an article reporting on a speech given by Pietro Grasso, President of the Italian Senate, at the International Symposium on Cultural Diplomacy 2013. President Pietro spoke on the importance of Cultural Diplomacy, specifically with regards to Italian Cultural Diplomacy, and the need to revert back to a more significant focus on culture in order to prevent crises, with a large emphasis on the advancement of the Italian language as a strategic vehicle for the promotion of culture and tourism in factors of development and growth for the country. Learn more about the International Symposium on Cultural Diplomacy in Italy 2013 at www.italy-culturaldiplomacy-conference.org
  June 13th, 2013

Cultural Heritage: The Association of Schools of Italian as a Second Language (ASILS) as a Cultural Key to Preventing Crises

(AGENPARL) – Roma, 13 giu – “Le parole del presidente del Senato Pietro Grasso confermano l’esigenza di restituire la giusta importanza alla cultura in chiave anti-crisi, passando in primis attraverso la valorizzazione della lingua italiana quale veicolo strategico per la promozione di cultura e turismo come leva di sviluppo e crescita per il Paese”. Cosě Francesca Romana Memoli, presidente dell’Associazione delle Scuole di Italiano come Lingua Seconda (ASILS), commenta l’intervento del presidente del Senato in apertura del primo Simposio di Diplomazia Culturale organizzato a Roma dalla Societŕ Dante Alighieri e dall’Institute for Cultural Diplomacy (Icd).

“Uno sforzo da sempre condiviso anche da ASILS – aggiunge Memoli –, associazione che riunisce le migliori 39 istituzioni private di lingua e cultura italiana in Italia attive in dieci Regioni con circa 22mila studenti iscritti all’anno”.

“Bene anche le parole del premier Enrico Letta – prosegue Memoli – che, come riportato in apertura dei lavori dal presidente Icd Francesco Rutelli si č detto pronto a sostenere gli sforzi dell’impegno condiviso che scaturiranno dai lavori di questo consesso. Motivo in piů per rinnovare al Governo l’auspicio dell’ASILS per una strategia di promozione del Made in Italy, nei suoi molteplici aspetti, che parta anche e soprattutto dalla valorizzazione della lingua italiana”.

“L’obiettivo dell’ASILS – conclude Memoli -, che fin da subito ha assicurato la sua piena collaborazione al Governo, č quello di creare una cabina di regia permanente che includa tutti gli attori del Sistema Italia, istituzionali, accademici e privati per valorizzare l’immagine del nostro Paese nel mondo, e di promuoverne la lingua, la cultura, l’educazione, il turismo, il lavoro e il piacere”. L’ASILS č l’Associazione delle Scuole di Italiano come Lingua Seconda che dal 1991 riunisce 39 istituzioni private di lingua e cultura italiana in Italia, attive in dieci Regioni con circa 22 mila studenti iscritti all’anno.